Torta all’olio d’oliva

La prima volta, l’ho assaggiata in quel di Panzano in Chianti, come degna conclusione della cena in quella macelleria che, come per magia, si trasforma in un ristorante unico e inimitabile. La prima volta, credo di averne divorate almeno dieci fette e ne avrei mangiate ancora, se ce ne fossero state sulla tavola. La prima volta, ho pensato che dovevo assolutamente provare a copiarla, perchè un dolce così è davvero troppo buono per restare solo a Panzano in Chianti. Mi è servito un assaggio per la seconda volta prima di provare a realizzarla e, sebbene mi sia riuscita alta, morbida, gustosa e tremendamente buona, non è ancora come quella della macelleria, ma non disperate…Provando e riprovando, prima o poi troverò la ricetta giusta!

Ingredienti (per una tortiera di 24 cm di diametro):

  • 250 gr di farina 00
  • 220 gr di zucchero
  • 100 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 150 ml di olio extravergine d’oliva
  • 3 uova intere
  • la buccia grattugiata di un limone
  • il succo di mezzo di quel limone che avete grattugiato
  • un baccello di vaniglia
  • mezza bustina di lievito per torte

Tempo di preparazione: 30 min + 35 min di cottura a forno statico a 160° + 15 minuti di cottura a forno statico a 180°

05 Torta all'olio

Visto che metteremo poco lievito, è bene montare con cura le uova, quindi se disponete di una planetaria andate alla grande, altrimenti usate lo sbattitore elettrico, ma lavorele per bene. Io ho usato la planetaria e ho montato le uova intere con lo zucchero e un pizzico di sale, per almeno 15 minuti a velocità media. Nel frattempo ho grattugiato la scorsa del 04 Torta all'oliolimone, facendo attenzione a non usare troppa energia, altrimenti si arriva alla parte bianca che è un tantino amara e sarebbe meglio evitare di usare anche quella.

Quando il composto di uova e zucchero è diventato più chiaro e molto schiumoso, senza spegnere la macchina, aggiungete l’acqua a temperatura ambiente e l’olio extravergine. Più buono sarà l’olio, più lo si sentirà nel dolce. Aggiungete anche la buccia del limone, il succo di mezzo di quel limone e i semini estratti dalla bacca di vaniglia. Sbattete il tutto ancora per almeno 5 minuti.

Spegnete la macchina e aggiungete al composto la farina e la mezza03 Torta all'olio bustina di lievito, setacciati. Con una spatola, mescolate il tutto molto delicatamente, dal basso verso l’alto, facendo attenzione a inglobare tutta la farina. Si formeranno delle sacche d’aria che intrappoleranno la farina, ma mescolando si romperanno e quindi non ci sarà nessun problema.

Dopo aver unto una teglia con il bordo apribile di 24 cm di diametro, rivestitela con carta forno. Versateci la pasta e infornate a forno statico 02 Torta all'oliopreriscaldato a 160°. Trascorsi 35 minuti, estraete la torta dal forno e portate la temperatura a 180°. Facendo il più in fretta possibile, bagnate la superficie della torta con dell’acqua o del latte e cospargete generosamente di zucchero, così si formerà una crosticina zuccherosa davvero deliziosa! Infornate per altri 15 minuti o comunque fino a quando non riesce la prova dello stuzzicadenti. Quando sarà cotta, estraetela dal forno e lasciatela raffreddare completamente prima di aprire la teglia. Ecco fatto!

01 Torta all'olio

BUONA TORTA ALL’OLIO A TUTTI!!!!

Annunci

Roselline di sfoglia e mele

Sempre per la serie che mi serve un dolcetto per sta sera e non ho tanto tempo, crostate o torte con pan di spagna e similari sono assolutamente fuori discussione, allora ho preso ispirazione da una ricetta di Giallo Zafferano…tra l’altro tempo fa avevo visto un video “accellerato” proprio su questa preparazione. Ho pensato che era giunto il momento giusto per provarci! Diciamo che, come spesso mi succede, visivamente il risultato non è dei migliori, ma a livello di gusto ci siamo eccome! 😉

Ingredienti (per 8 roselline, 4 persone):

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare presa direttamente dal banco frigo del supermercato (magari un giorno proverò pure a farla…mah!)
  • 1 mela
  • 1 lime
  • un cucchiaio di marmellata (a preferenza)
  • zucchero di canna

Tempo di preparazione: 25 min + 30 min circa di cottura

06 roselline di sfoglia e meleScegliete la mela più succosa che avete e dopo averla tagliata a metà e tolti i semini, tagliate delle fettine sottilissime, se avete l’atrezzo apposito (non ho idea di come si chiami) verranno benissimo, io non ce l’ho e quindi ho cercato di fare del mio meglio. Disponete le fettine su di un piatto e cospargetele con il succo di 1/2 lime e qualche cucchiaio di zucchero di canna.

Prendete quindi la pasta sfoglia e un pezzo di carta forno un po’ più grande, mettetelo sopra la sfoglia e con un mattarello tirate la pasta per renderla più sottile. Con un coltello affilato tagliate delle strisce di circa 3 cm di larghezza. In una ciotola mette un cucchiaio di marmellata (io ho usato quella di fragole) allungata con un pochina d’acqua per renderla più liquida.

05 roselline di sfoglia e mele

04 roselline di sfoglia e meleA questo punto spennelate con la marmellata le strisce di sfoglia e disponete le fettine di mela in modo che sporgano un po’ dal “bordo” della striscia di pasta. Arrotolate la striscia e chiudete il fondo, anche semplicemente schiacciando un po’ la rosellina nella leccarda da forno.02 roselline di sfoglie e mele

Informate a forno preriscaldato (200°) in modalità statica per circa 30 min o comunque fino a quando la pasta sfoglia non sarà bella dorata.

Trascorso il tempo di cottura, lasciate raffreddare le roselline e prima di servirle cospargetele di zucchero a velo!

01 roselline di sfoglia e mele

BUONE ROSELLINE DI SFOGLIA E MELE, A TUTTI!!

Crostata con crema e marmellata di lamponi

Amo le torte, i dolcetti, i biscotti e qualunque cosa zuccherosa. Quando ho un po’ di tempo libero cucino qualcosa – preferibilmente dolce – perchè ho scoperto che è un perfetto antistress. Che si segua una ricetta o si inventi un piatto, non ha importanza, è liberatorio concentrarsi solo su movimenti manuali, sulle dosi, sulla bellezza della creazione e poi quando alla fine si sforna il dolce o si impiatta, è impossibile non sentirsi soddisfatti. A tutto questo aggiungo che adoro sporcarmi le mani di farina! Oggi mi è venuta voglia di pasta frolla perchè è un sacco di tempo che non la faccio, ho preso la ricetta che uso di solito e ho ridotto le dosi, in quanto eccessive. Ci sono diversi modi per fare la pasta frolla, io uso quello che tra poco vi svelerò e mi sono sempre trovata bene!

Ingredienti per la pasta frolla (dosi per una tortiera di 26/28 cm con bordo basso):

  • 300 gr di farina 00
  • 120 gr di burro freddo, appena estratto dal frigo (considerate che più aumentate la dose di burro, più friabile sarà la pasta, quindi se sbagliate qualcosa dovrete aggiustare aumentanto la dose di farina)
  • 150 gr di zucchero (più zucchero, più croccantezza)
  • 1 uovo intero + 2 tuorli
  • sale q.b.
  • scorza di mezzo limone grattuggiata (purtroppo non avevo limoni, ho quindi ripiegato sulla boccetta di aroma artificiale), c’è anche chi aggiunge i semini di vaniglia o l’aroma artificiale, se vi piace ci sta molto bene, anche se devo dire che l’aroma di limone è abbastanza forte e tende a coprire gli altri

14 crostataIngredienti per la crema pasticcera:

  • 500 ml latte fresco
  • 4 tuorli d’uovo
  • 40 gr maizena (o amido di mais, si usa come addensante e la trovate in qualsiasi supermercato nel settore delle farine o dei dolci)
  • 150 gr zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • scorza di mezzo limone

Ingredienti ulteriori:

  • Marmellata di lamponi q.b. (se non vi piace potete sostituirla con la marmellata ai mirtilli rossi o ai frutti di bosco, altrimenti andate sul classico con la marmellata di fragole)
  • Scaglie di mandorle

Tempo di preparazione: 30 min + 30 min di riposo (pasta); 30/40 min di cottura

Iniziamo con il preparare la pasta frolla. Come accennavo, ci sono diversi metodi, io preferisco quello che viene chiamato “sabbiatura”, ovvero 13 crostatarendere la farina e il burro una specie di sabbia con il mixer. Estraete il burro direttamente dal frigo e tagliatelo grossolonamente a pezzi, setacciate la farina dentro al mixer, aggiungete un pizzico di sale e azionate a velocità bassa. Dovrete evitare di surriscaldare eccessivamente il burro. Il composto dovrà risultare come questo:

12 crostataA questo punto le possibilità sono due: 1) Impastare a mano: su una spianatoia versate 11 crostatail composto di farina e burro, create la classica fontanella e mettete al centro i tuorli, l’uovo intero, lo zucchero e gli aromi, impastate finchè non otterrete un panetto liscio e compatto; 2) Impastare con la planetaria usando il gancio a farfalla: versate il composto e unite uova, zucchero e aromi, azionate la planetaria a velocità 2.

10 crostataQuando il composto si stacca dalle pareti della planetaria potete estrarlo e formare un panetto compatto lavorandolo un poco con le mani. Avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo a riposare in frigo per almeno 30 minuti.

9 crostataNel frattempo dedichiamoci alla crema pasticcera. Montate i tuorli con lo zucchero con uno sbattitore elettrico finchè non otterete un composto chiaro e schiumoso. In un pentolino mettete a scaldare il latte con la scorza di limone (solo la parte gialla) e i semi della bacca di vaniglia, senza farlo bollire. Setacciate la maizena nel composto di uova e zucchero mescolando preferibilmente con una frusta fino a quando non otterrete una crema liscia e senza grumi. Versate un po’ di latte caldo nel composto e continuate a mescolare con la frusta, è importante eliminare tutti i grumi. Mettete la crema di nuovo sul fuoco (molto basso), unendola quindi al latte rimanente nel pentolino, e continuando a mescolare fatela addensare, quando avrà raggiunto la densità desiderata riponente la crema in una ciotola preferibilmente di vetro e copritela con la pellicola trasparente che dev’essere direttamente a contatto con la crema. Lasciatela raffreddare.

8 crostataTrascorsa la mezz’ora di riposo della pasta, imburrate e infarinate lo stampo che avete scelto. Infarinate anche una spianatoia e usando il mattarello tirate la pasta, io la preferisco abbastanza sottile, però potete decidere lo spessore che preferite, chiaramente dovete poi stare attenti 7 crostatain fase di cottura. Tirata la pasta prendete lo stampo e con un coltellino tracciate il contorno lasciando almeno un centimetro di lasco (in sostanza tenete conto che c’è anche il bordo). Trasferite la pasta nello stampo e fatela aderire alle pareti. Bucherellatela poi con una forchetta. A6 crostataccendete il forno a 175° in modalità ventilato e versate sulla base la crema intiepidita. Livellate con una spatola e infornate per almeno 15/20 minuti (se la pasta è più spessa dopo 15 minuti controllate la cottura ed eventualmente procedete per altri 5 minuti).5 Crostata

Finchè la prima fase di cottura viene ultimata, con la pasta restante create delle striscioline che andranno a coprire la parte superiore della torta, in modo da creare la classica trama intrecciata da crostata. In un pentolino mettete a scaldare la marmellata con un pochina d’acqua per ammorbidirla e renderla più fluida.

4 crostataTrascorso il tempo, estraete la torta, versate sopra la crema la marmellata, distribuendola bene in ogni parte e uniformemente, cospargete poi la superficie con le scagliette di mandorle e completate con le striscioline di 3 crostatapasta. Infornate nuovamente per 15 minuti o comunque fino a quando anche la pasta aggiunta da ultimo non si cuoce e assume quel bel colorito dorato.

Quando la torta si sarà raffreddata cospargete di zucchero a velo…

2 crostataBUONA CROSTATA DI CREMA E LAMPONI A TUTTI!!!

Ciambella morbida alla vaniglia

Quasi ogni mattina rimpiango di non abitare vicino ad una pasticceria, poi, in modo risoluto, mi auto convinco che in realtà è molto meglio così altrimenti a quest’ora avrei i valori del colesterolo decisamente sopra la media. In ogni caso questo, non mi impedisce di coccolarmi, una volta ogni tanto, con un soffice e goloso dolcetto da inzuppare nel latte o nel caffè, proprio come una leggera ciambella!

Ingredienti (indicativi per due teglie da ciambella piccole):

  • 300 gr Farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci (16 gr)
  • Sale, un pizzico
  • 120 gr Burro a temperatura ambiente
  • 200 ml Latte a temperatura ambiente
  • 3 Uova
  • 150 gr Zucchero
  • 1 Bacca di vaniglia
  • Zucchero in granella per guarnire

Tempo di preparazione: 15 min + 40 min di cottura in forno statico, preriscaldato, a 170°

01 CiambellaIn una planetaria sbattete il burro (ricordate che deve essere a temperatura ambiente), lo zucchero e i tuorli, finché non otterrete una crema morbida. Tagliate a metà, sul lato lungo, la bacca di vaniglia, con un coltellino affilato raschiate dal baccello i semini neri e mescolateli nel latte. A filo versate poi il latte nel composto di burro e uova, continuando a sbattere. A parte, montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.

Setacciate farina e lievito nella ciotola con il composto e impastate con il gancio a farfalla della planetaria. Quando l’impasto sarà omogeneo incorporat02 Ciambellae lentamente gli albumi, mescolando con una spatola di silicone dal basso verso l’alto per non smontarli.

Imburrate e infarinate due stampi classici per ciambelle e versate il composto. Cercate di livellarlo il più possibile. Guarnite poi con della granella di zucchero o anche con delle gocce di cioccolato.

Infornate a forno statico preriscaldato a 170° per 40 min. Non aprite il forno almeno per i primi 30 min, per evitare di guastare la lievitazione, poi potete controllare infilando uno stuzzicadenti nell’impasto, se questo risulterà asciutto significa che il dolce è cotto.

03 Ciambella

BUONA COLAZIONE A TUTTI!

Torta morbida allo yogurt e albicocche

Cosa si può fare con un cestino di albicocche fresche, mature e dolcissime?! Una splendida torta fredda da gustare a colazione o dopo cena, leggera e ideale per le giornate calde di inizio estate.

 Ingredienti (indicativi per una tortiera rotonda di 24 cm di diametro):

  • 3 vasetti di yogurt alle albicocche da 125 gr l’uno (potete scegliere il vostro yogurt preferito, io adoro le albicocche)
  • 200 ml di panna fresca da montare
  • 100 gr di amaretti
  • 100 gr di biscotti secchi tipo digestive
  • 150 gr di burro
  • 50 gr di cioccolato fondente
  • un paio di cucchiai di zucchero di canna
  • gelatina per torte (a piacere potete scioglierci dentro, al momento della preparazione, un cucchiaio di marmellata)
  • albicocche per guarnire (o la vostra frutta preferita)

Tempo di preparazione: 20/30 min. + una notte in frigo

Prima di tutto rivestite di carta forno uno tortiera rotonda con gancio laterale (indicativamente di 24 cm di diametro, ma può andare bene anche una da 26 cm). Mettete a sciogliere a bagno maria il burro e il cioccolato fondete. Nel frattempo tritate, usando un mixer o un tritata tutto, gli amaretti e i biscotto secchi, senza farli diventare Torta morbida allo yogurt e albicocche 1briciole, vanno bene anche dei pezzetti purché non siano enormi. Quando il burro e il cioccolato saranno sciolti versateli in una ciotola insieme al trito di biscotti e ad un paio di cucchiai di zucchero di canna. Amalgamate bene il tutto e iniziate a creare il fondo della vostra torta partendo dalla base, schiacciando bene il composto in modo da impaccarlo, passate poi ai lati. Ponete il tutto in frigo per una decina di minuti.

Per la crema montate la panna e delicatamente incorporate lo yogurt con una spatola, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare la panna. Se desiderate che la vostra crema sia più compatta e solida potete usare un paio di fogli di colla di pesce, Torta morbida allo yogurt e albicocche 2incorporandoli prima nello yogurt e poi mescolando il tutto con la panna. Altra cicca potrebbe essere l’aggiunta di qualche pezzetto di frutta fresca, io avevo lo yogurt con pezzi di frutta quindi non ne ho aggiunti altri, ma…via libera alla creatività! A questo punto prendete la base della torta e delicatamente versateci la crema cercando di distribuirla uniformemente, mettete quindi il tutto in frigo.

Torta morbida allo yogurt e albicocche 3Prendete le vostre albicocche belle succose e tagliatele a spicchi per guarnire la torta. Preparate poi la gelatina (io ho usato tortagel), a piacere sciogliete qualche cucchiaino di marmellata per rendere la gelatina più golosa. Guarnite quindi la vostra torta allo yogurt e riponetela in frigorifero per una notte così da permettere alla crema di solidificarsi. Ecco fatto, la golosità è servita!

Torta morbida allo yogurt e albicocche 4

BUONA TORTA A TUTTI!

Brownies…la golosità facile facile

Chi non conosce queste dolcezze americane??!! Se siete, come me, dei golosi di natura non potete non averli assaggiati e vi assicuro che farli è semplicissimo. Il loro nome deriva probabilmente dal colore marrone intenso, brown appunto, si dice che sia comparso per la prima volta tra le pagine del Boston Cooking School Cookbook, nel lontano 1896. Sulla loro nascita c’è chi racconta che un cuoco un po’ sbadato dimenticò di aggiungere lievito al suo dolce di cioccolato e nocciole, altri sostengono che Bertha Palmer chiese un dessert che non sporcasse le mani, altri ancora li attribuiscono alla World’s Columbian Exposition (1892) tenutasi al Palmer House Hotel di Chicago. A dire la verità mi interessa gran poco delle dicerie sulle loro origini, ciò che conta è che sono DELIZIOSI!

Ingredienti – dosi per una teglia (quadrata) di 20cm×28cm circa:

  • 175 gr di burro
  • 2 uova
  • 200 gr di zucchero
  • un po’ di sale
  • 45 gr di nocciole (oppure abbondate se ne andate golosi)
  • 5 gr lievito vanigliato
  • 200 gr cioccolato fondente (regola numero 1: più buono è il cioccolato, più buoni saranno i brownies)
  • 100 gr farina tipo 00
  • 20 gr cacao in polvere amaro

Tempo preparazione: 20 min. circa, più 30/35 min. di cottura

Prima cosa da fare è mettere sul fuoco una pentola con un po’ d’acqua per sciogliere a bagno maria il burro e il cioccolato fondente. Quando il composto sarà completamente sciolto e senza grumi, aggiungere anche il cacao in polvere e mescolare per bene. Fatto questo, spegnere il fuoco e lasciate la pentola con il composto da una parte a far intiepidire.

È arrivato il momento delle uova, se ce l’avete potete usare una planetaria altrimenti va bene uno sbattitore elettrico. Unite e sbattete uova, zucchero e il pizzico di sale finché non otterrete un composto spumoso e di colore giallo chiaro. Unite quindi il cioccolato fuso e amalgamate il tutto.

Setacciate dentro la ciotola con il composto la farina e il lievito, mescolate il tutto e aggiungete le nocciole precedentemente tritate (per la grandezza dei pezzi fate voi, di solito sono abbastanza grandi, quasi intere).

Rivestite la teglia con la carta da forno e versate l’impasto, livellatelo poi con una spatola o un cucchiaio. Infornate a 180° (forno ventilato) per 30/35 minuti, controllate la cottura dopo circa 25 minuti.

Quando saranno cotti togliete la torta dalla teglia e lasciatela intiepidire, poi tagliatela nei classici quadratoni, se vi piace spolverate con un pizzico di zucchero a velo, altrimenti azzannateli così come sono! FANTASTICI! Ottimi per una colazione sostanziosa o per una merenda sfiziosa…o anche dopo pranzo, o dopo cena o quando ne avete voglia!

BUON BROWNIE A TUTTI!!!