VIAGGIO a modo MIO – parte 5: L’aria che tira a Camden Town

Quando si visita una città per la prima volta si è pervasi di aspettative e di esaltante attesa. Eccitati si sfogliano le pagine della guida turistica alla ricerca del luogo insolito, ma allo stesso tempo famoso, per iniziare l’esperienza al meglio. Quando poi quel posto si trova davvero, e questa è cosa per nulla scontata, e si ritorna per un motivo o per l’altro nella città anni ed anni dopo, si è pervasi dalla voglia di rivederlo per sentire ancora una volta le emozioni già provate. Ecco, per me a Londra c’è un solo luogo così ed è Camden Town.AdobePhotoshopExpress_4c272c5bd6814760853dbe96358e1950

Se è vero che Londra è la città più cosmopolita, multietnica, multiculturale d’Europa, aAdobePhotoshopExpress_b51aa36525ef4637983148da370584d8 Camden Town è possibile vedere ad occhio nudo questa varietà. Un caotico mercato all’aperto in cui si trovano oggetti dei più svariati generi, se cercate qualcosa di stravagante e introvabile a Camden c’è di sicuro e non di un solo tipo! Le persone fluttuano da una bancherella all’altra, abbassandosi per passare sotto i bassi tendaggi, cercando di non urtare gli altri vaganti o la merce esposta.

Ciò che mi ha sempre colpito di questo luogo d’incontri sono però le persone che vi lavorano, tra le più stravaganti mai viste se si ha il tempo e la voglia di osservare non solo la merce ma anche i soggetti. Soprattutto passando vicino alla zona dedicata al cibo si entra nel vivo del mercato. Qui si viene letteralmente circondati da vapori, da odori che si mescolano facendo perdere al viaggiatore la cognizione dello spazio, si passa dal forte profumo di spezie orientali al calore del cibo messicano, per tornare alla delicatezza di una zuppa thai. Persone che urlano, chiamano i passanti con cenni della mano e larghi sorrisi per far assaggiare la loro specialità e lì in mezzo a questo caos il viaggiatore si rende conto di avere davanti le specialità culinarie di mezzo AdobePhotoshopExpress_1e18855c901648868d7681950b2ac8c8 1mondo stipate in un corridoio di pochi metri. Avrei mangiato di tutto! Ricorderò sempre la prima volta che ho pranzato a Camden, avevo optato per dei noodles con verdure e stavo cercando un posto in cui sedermi tra i tavolini sistemati un po’ a casaccio sotto l’ombra di qualche alberello, quando un tizio dallo sguardo un pochino perso alza la mano facendomi un segno per dirmi che dov’era seduto c’era posto. Io e l’amica con cui ero ci sediamo di fronte a lui e ad un altro personaggio anche lui un tantino perso nei suoi pensieri. Parliamo un po’, ci racconta che ha un piccolo negozietto proprio dall’altra parte del passaggio vicino ai tavoli, da lì dov’è seduto può vedere se qualcuno entra e finché non c’è nessuno può stare seduto tranquillo a godersi la sua pinta di Guinness. È simpatico, molto gentile e disponibile, ci fa compagnia finché pranziamo raccontandoci un po’ della sua vita elargendo sorrisi sbilenchi. Ecco, per me quel ragazzo è la gente di Camden!

Quello si prova in mezzo a tutto quel via vai di persone che si muovono alla ricercaAdobePhotoshopExpress_f1b03197f7924e61b3d953b028c972ec della migliore occasione o del pezzo più raro non è ansia o agitazione, lo trovo rilassante e curioso, passerei ore a vagare da un banco all’altro osservando gli artisti all’opera o stravaganti oggetti d’antiquariato non meglio definiti. Non serve avere fretta, il bello di Camden è che ti avvolge e quasi ti accompagna tra le sue strette stradine, ti inviata a perderti e a sperimentare qualcosa di nuovo. Di certo non te ne andrai senza aver trovato quella cosa che stavi cercando!

E poi ti capita di andare in bagno e uscire sorridendo perché dopo tutto a  Camden si trova anche questo…AdobePhotoshopExpress_2fd6c38567d84475af6b1b70efc48b38

VIAGGIO a modo MIO – parte 3: un primo passo dentro Londra

Ricordo esattamente la prima impressione che ho avuto di LONDRA come fosse stampata nella memoria in modo indissolubile, anche se sono passati quasi dodici anni: una piccola piazzetta nei pressi di Camden Town; un uomo seduto su un muretto, con un impermeabile chiazzato di terra, polvere e chissà cos’altro, accoccolato ai suoi piedi un cane affamato e malandato, l’uomo si rigirava tra le mani una vecchia chitarra e la guardava come a chiedersi a cosa servisse; un ragazzo così magro che di profilo si poteva scambiare per un foglio di carta, i capelli dritti sulla testa a formare una cresta punk verde, giubbotto in pelle nera borchiato, anfibi neri consumati, jeans strappati, si avvicina con andatura molleggiante all’uomo e si inginocchia ad accarezzare il muso del cane; l’uomo e il cane gli sorridono. Nessuno nell’affollata piazzetta scossa dal via vai generale sembra fare caso al curioso terzetto. Io mi trovo lì di passaggio diretta non ricordo dove e li osservo. Ricordo di aver pensato che a casa mia una scena come quella non l’avrei mai vista.

LONDRA è la città più cosmopolita, variegata, eccessiva ed eccitante che abbia mai avuto il piacere di vedere. È incredibile come riesca a farti sentire esattamente a tuo agio in ogni angolo, forse dipenderà dal fatto che ormai ai sudditi della Regina si sono mescolate decine e decine di culture completamente diverse e ciò sicuramente a discapito dell’identità nazionale, ma volete mettere con l’atmosfera che si assapora adesso?! Devo dire che tra i miei posti preferiti c’è proprio uno di questi angoli colmi di diversità, Camden town e non vedo l’ora di ritornarci!

Il primo passo dentro LONDRA di solito si fa a scuola. Qualunque sia l’indirizzo scelto non è possibile prescindere dalla storia inglese che ci guida attraverso le successioni della Corona. Dalla conquista dei Romani della bella e accattivante terra inglese, con il buon vecchio Cesare che si era invaghito di Londinium (anche se in realtà fu qualche tempo dopo, sotto l’imperatore Claudio nel 43 d.c., che i Romani vi fecero ritorno per fondare quello che diventerà uno dei più prosperi porti della storia), ai problemini che sovrani capricciosi e megalomani hanno creato con la Chiesa di Roma, fino alle intricate e stravaganti vicende delle dinastie regali che per decenni si sono susseguite al vertice del potere. Molto più simili a soap opere che a veri e propri insegnamenti storici (non per niente la serie I Tudors – scandali a corte ha avuto molto successo), questi intricati avvicendamenti si sono -regina-Elisabettaprotratti sino ad oggi. L’attuale dinastia al potere, i Windsor (nome cambiato da re Giorgio V nel pieno Prima Guerra Mondiale) ha avuto origine nel 1917 e prospera tutt’oggi tra alti e bassi, con problemi da affrontare non così diversi rispetto a quelli che hanno sempre coinvolti i regnanti inglesi.

A parer mio però non è dai libri di storia che si comprende un’epoca, una generazione o una società, bensì dalla letteratura che ha coinvolto, impressionato e stravolto quell’epoca, generazione o società. L’Inghilterra, e LONDRA in particolare, ci offrono il fior fiore delle menti illuminate e geniali con cui confrontarsi. Secondo alcuni la più antica descrizione di LONDRA va ricondotta allo storico romano Tacito che nei suoi scritti narra della rivolta di Boadicea. LONDRA però è la premurosa madre di alcuni tra i letterati e i poeti più apprezzati, studiati e amati del mondo, vogliamo citarne alcuni tanto per dare un’idea? William Shakespeare, Daniel Defoe, Charles Dickens, George Orwell, Virginia Woolf e il Bloomsbury group, Mary Shelley e potremmo continuare ancora.

Ognuno di loro ha vissuto e disegnato una LONDRA diversa per ideologie e sentimentalismi, ma in un cecrusoe-cpg-t1rto senso sempre fedele a se stessa. Così se si vuole avere una fugace fotografia della classe media londinese dei primi decenni del 1700 si può leggere The life and strange surprising adventures of Robinson Crusoe, o più semplicemente Le avventure di Robison Crusoe scritto tra il 1720 e il 1724 da un Defoe ormai sessantenne.

Un decennio più tardi Charles Dickens, 1004208-Charles_Dickens_Oliver_Twisttraendo notevoli insegnamenti dai quei pochi mesi in cui, appena dodicenne, fu costretto a sopravvivere da solo per le strade di Londra (dato che i suoi genitori erano stati incarcerati per debiti), scrisse quello che diventerà uno dei romanzi più apprezzati di sempre: Oliver Twist.

Sir Arthur Conan Doyle invece, tra  il 1881 e il 1904, descriveva una LONDRA ben diversa nei su221B_Baker_Street,_London_-_Sherlock_Holmes_Museumoi popolari racconti su Sherlock Holmes, il problematico e stravagante investigatore privato è poi diventato l’immagine della imperturbabilità e freddezza del tipico londinese. La sua casa esiste ancora e si trova ovviamente al numero 221b di Baker Street seppur l’investigatore sia un personaggio di pura invenzione e ciò rende la cosa ancora più surreale! Questa casa-museo è stata aperta nel 1990 e ogni giorno accoglie svariate decine di visitatori.

Tra i romanzi più recenti per apprezzare la LONDRA del XX secolo si possono citare Il Budda delle periferie di Hanif Kureishi, scritto nel 1990, una interessante visione della capitale dal punto di vista delle minoranze etniche. Una lettura decisamente più soft ce la fornisce Helen Fielding con l’incredibile successo Il diario di Bridget Jones del 1996.

Per mio gusto personale preferisco romanzi di tutt’altro genere e devo dire che è proprio tra i grandi classici inglesi che è maturato. Al liceo la professoressa thumb_book-frankenstein_2.330x330_q95d’inglese ci consegnò la fotocopia di un passo tratto dal romanzo di Mary Shelley: Frankenstein o il Prometeo moderno. Mi piacque così tanto che comprai il libro – in italiano perché mi sentivo più a mio agio – e negli anni guardai tutti i film che ne vennero tratti, soprattutto Frankenstein Junior visto e rivisto non so più quante volte…una parola sola: eccezionale! La storia di come nacque questo capolavoro è molto insolita. Siamo a Ginevra nei primi anni del 1800, un uomo, o meglio, un poeta conosciuto come Lord Byron lancia una sfida a tre brillanti giovani: i coniugi Shelley, Percy e Mery, e il dottor John William Polidori. Ognuno di loro doveva scrivere un racconto dell’orrore. Mery fu la sola, e la più veloce, a portare a termine la sfida creando la macabra storia di Victor Frankenstein.

A questa incredibile opera ne aggiungo altre due perché è proprio grazie a romanzi come questi che nasce il filone letterario ad oggi tra i più apprezzati, ovvero il gotico. Nel 1886 lo scrittore scozzese Robert Louis Stevenson crea il celebre Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde e nel 1897 l’irlandese Bram Stoker scrive il mio romanzo preferito: Dracula.

Ci sono molti modi per avere il primo contatto con una città, come credo si sia capito, il mio è la letteratura, non c’è modo migliore per scendere tra le sue strade, assaporare l’umore di un epoca, mescolarsi al popolo, a parte farlo fisicamente ovvio…ma facciamo un passo alla volta!

VIAGGIO a modo MIO – parte 2: trivago.it

Hai appena ricevuto la mail di conferma di prenotazione dalla compagnia aerea, tutto esaltato la salvi in formato PDF e la metti in salvo in qualche cartella documenti o simili. Sempre più felice prendi l’agenda, apri il calendario o l’applicazione sullo smartphone e ti segni in rosso, in modo evidente e assolutamente inconfondibile, le date del tuo viaggetto! Ecco fatto, il primo scoglio è bello che superato.

Per abitudine sono solita prendermi qualche settimana per consultare vagamente siti o forum che parlano della meta scelta, poi compro almeno un paio di guide turistiche (di questo parlerò nei prossimi post) e chiedo in giro, tanto per farmi un’idea di quello che sto per affrontare. Insomma, l’ultima cosa che farei, se fosse possibile, è cercare un alloggio. Perché? Bé, primo perché trovo la sua ricerca di una noia mortale e secondo perché fondamentalmente su queste cose sono pigra. Pensare di sprecare tempo a cercare e individuare la migliore soluzione, confrontando varie possibilità, valutando il rapporto qualità/prezzo o la distanza dal “centro”, leggendo le valutazioni lasciate da precedenti clienti, ecc., per una stanza che vedrò solo di notte, mi da un po’ suoi nervi.

Ecco perché vorrei fosse l’ultimissima cosa da fare prima di imbarcarmi e partire, invece non può mai essere così. Ovviamente vige la regola che più si aspetta a prenotare meno soluzioni si trovano o più costose sono, non credo sia una regola assoluta ma funziona nella maggior parte dei casi. Quindi mettiamoci all’opera di buonora prima che le migliori occasioni sfumino.

Sempre per la teoria della pigrizia solitamente utilizzavo il motore di ricerca booking.com è facile da maneggiare e trova varie soluzioni. Non ho mai incontrato 8588f2d558271089ba6af5e5c6f2da52problemi con le prenotazioni, sempre andate a buon fine, e nemmeno con i pagamenti. A volte mi scalavano i soldi direttamente dalla carta di credito/debito utilizzata per prenotare, altre volte la struttura usava la carta solo come garanzia ed eventualmente permetteva di pagare in contanti. Booking.it però è solo booking.it, cioè voglio dire che non ti permette di confrontare quello che propone lui con altre soluzioni. Se di solito mi stava bene così, questa volta qualcosa è cambiato.

La meta prescelta è LONDRA che, come si sa, è una delle capitali europee più expensive! Ci sono già stata qualche volte e a parte le prime due in cui non ero un granché indipendente (viaggi studio), l’ultima volta ho potuto sperimentare meglio cosa significhi (e quanto costi) muoversi a LONDRA. Per questo motivo ho cambiato le mie abitudini e ho curiosato su trivago.it alla ricerca di una soluzione che comprendesse queste priorità:

  1. l’alloggio dovrebbe trovarsi fuori dalla “zona centro” ma vicino ad una stazione della metropolitana, la quale dovrebbe a sua volta trovarsi possibilmente all’interno della zona 1 o zona 2, in modo da risparmiare sul biglietto della metro e raggiungere comodamente i centri di interesse

    mappa-metro-londra

    Cartina della metropolitana di Londra. In grigio e in bianco, contrassegnate da numeri (1-9), sono indicate le diverse “zone”

  2. l’alloggio deve essere pulito, o almeno trovarsi entro i limiti dell’umana decenza.

Tutto il resto, dal mio punto di vista, è abbastanza superfluo, sempre tenendo conto della durata del soggiorno. Io rimarrò a LONDRA per 5 giorni, dei quali l’ultima notte sarà un  after considerando che dovrò essere all’aeroporto per il check-in prima dell’alba. Fortunatamente una mia cara amica vive lì da qualche anno e mi darà un rifugio sicuro per le valigie durante l’ultima notte. Insomma, a conti fatti mi servono un letto e un bagno per 4 notti. Se uno si dovesse fermare per delle settimane…bé, gli consiglierei di aggiungere uno o due priorità/caratteristiche alla sua ricerca!

Tornando al nostro motore di ricerca…trivago.it è altrettanto intuitivo e facile da usare rispetto a booking.it, sulla parte sinistra dello schermo ci sono i vari filtri da applicare per affinare la ricerca, come il numero di stelle affidate all’hotel/albergo, il range di prezzo, la valutazione media dei clienti, la distanza dal centro, ecc. Dopo aver inserito la destinazione, le date e la tipologia di camera che si sta cercando, il sito propone una serie di risultati che è possibile ordinare in base a diversi criteri, io utilizzo sempre il criterio “prezzo“. Alla fin fine la situazione che si presenta è più o meno questa:

01

Il risultato della ricerca propone una serie di sistemazioni (qui in ordine crescente di prezzo a notte/a camera) affiancate dal motore di ricerca o sito che propone l’offerta (booking.com; venere.it; expedia.it; etc.) e, elemento per me importante, la distanza dal “centro” (elementi cerchiati in nero nell’immagine). Ovviamente, applicando i filtri che propone trivago.it, è possibile affinare la ricerca e renderla più adeguata alle singole esigenze. Ciò che secondo me è importante in questo sito è la possibilità di confrontare le diverse soluzioni offerte dagli ormai innumerevoli siti internet che dispensano strumenti di questo tipo. Tra newsletter, pubblicità in TV, su giornali e su internet, siamo ormai circondati, non ci resta che l’imbarazzo della scelta, ma…c’è sempre un MA…si tratta di prenotare un soggiorno ed è difficile fidarsi ciecamente basandosi solo sulle fotografie postate sui motori di ricerca o sui giudizi dei clienti. Per questo credo che trivago.it, permettendo il confronto tra le varie offerte proposte, possa rappresentare un buon compromesso e dal mio punto di vista supera ampiamente la sufficienza!

Bene, alla fine di questa ricerca, non troppo lunga (sempre per la teoria della pigrizia), ma abbastanza accurata abbiamo decretato il vincitore:

RMA Hostel-Accommodation; Londra

RMA Hostel-Accommodation, London

Come dicevo: un letto, un bagno (che spero vivamente siano nei limiti dell’umana decenza, questo lo scopriremo solo vivendo) e l’accesso comodo alla metropolitana, al massimo entro la zona 2. Mi sembra ci sia tutto…non resta che attendere l’ora della partenza!

Per sbizzarrivi a provare trivago.it eccovi il link, buon divertimento: http://www.trivago.it

VIAGGIO a modo MIO – parte 1: skyscanner.it

Volevo iniziare questo post con una frase ad effetto sul viaggio per attirare subito l’attenzione, qualcosa tipo…

Non dirmi quanti anni hai, o quanto sei educato e colto, dimmi dove hai viaggiato e che cosa sai.” (Maometto)

…oppure qualcosa come…

Viaggiare è come sognare:la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato.” (Edgar Allan Poe)

…cosa che alla fin fine mi è sembrata un po’ banale, se non perfino scontata. Così, lasciando perdere le frasi ad effetto, vorrei dare inizio a questo esperimento. Visto che una delle mie più grandi passioni (e di sicuro non sono la sola!) è viaggiare in lungo e in largo per posare i piedi su terre in cui non hanno mai camminato, inizio a scrivere un #Quasi-DiarioDiViaggio. Dalla nascita dell’idea, alla scelta della meta, fino al viaggio vero e proprio e infine, purtroppo, al ritorno a casa.

Tenendo presente che di solito l’ispirazione nasce direttamente dalla necessità, il tutto ha avuto inizio sotto (molto sotto) Natale. Come ogni perditempo che si rispetti ero presa con l’acqua alla gola per i regali, considerato che era già il 23 dicembre! Ma niente panico! Da qualche tempo girava nella mia testolina quest’idea di prendere un paio di biglietti aerei e perdermi per qualche giorno in un’avventura all’insegna della scoperta, si perché viaggiare non è vacanza, o almeno non solo. Viaggiare è sinonimo di novità, esperienza, meraviglia. Entrare per la prima volta in un museo e vedere quell’opera d’arte che ti lascia con il fiato spezzato a metà, lì immobile a chiederti come diavolo sia possibile per un essere umano creare una meraviglia simile. Perdersi tra calle e stradine, avvolto da edifici che ti sovrastano e ti permettono di scorgere solo qualche fettina di cielo solo perché non hai ben presente cosa significhi leggere una cartina. Sederti al tavolo malconcio di una birreria con l’intento di bere una birra e finire per assaggiare metà del menù perché i piatti che ti passano accanto sono troppo invitanti. Tutto questo e molto molto molto di più è il viaggio! Torni a casa con il sorriso e la voglia di ripartire non perché hai “bisogno di staccare la spina” ma perché ti senti colmo di esperienze che arricchiscono il tuo modo di vedere le cose e ne vuoi ancora, ancora e ancora! Per mia fortuna ho trovato una persona che condivide questa sete di novità e credo che condividere questo tipo di esperienza con un anima affine le conferisca un valore aggiunto!

Ma torniamo a noi…Era il 23 dicembre e l’idea dei biglietti aerei praticamente mi si era materializzata dietro le palpebre. Ogni volta che chiudevo gli occhi vedevo il foglio A4 con la stampa della carta d’imbarco! Di solito quando devo prenotare un volo europeo vado direttamente sul sito della Ryanair, poi apro la pagina accanto e vado sul sito della Easyjet e per scrupolo ci metto pure volagratis.com. Bene, questa volta no! Se è vero che è un esperimento, allora che sia un esperimento sin dall’inizio!

Questa volta ho scelto il motore di ricerca skyscanner.it e per precauzione, tanto per non farmi mancare niente, mi sono pure scaricata l’app sul cellulare, intuitiva e facile da usare, davvero utile! Comunque, mi trovo sulla homepage del motore di ricerca e la prima cosa che mi si chiede – ovviamente – è quella formulina “Da….A…“. Ecco qui il primo problema! Con il “Da…” andiamo un po’ meglio, il sito ti permette di non specificare l’aeroporto di partenza ma solo la Nazione, il che non è male se non si ha problemi a prendere un aereo a centinaia di Km da casa! Non è il mio caso! Ho fatto qualche tentativo in base alle mie esigenze: Verona, Trieste, Venezia, Bergamo. Alla fine ho scelto proprio quest’ultimo perché più economico rispetto a Venezia-Marco Polo ma con più scelta rispetto a Verona e Trieste.

Homepage skyscanner.it

Homepage skyscanner.it

La cosa bella di skyscanner.it è che non devo per forza aggiungere una destinazione (il famoso “A...” che mi ha creato un sacco di noie mentali) e nemmeno le “Date“, altro arduo step (per non dover scegliere la data basta cliccare sul calendario e scegliere l’opzione più conveniente, come “intero anno” o “tutto il mese“)! Quindi, in sostanza, la ricetta per questo esperimento è molto semplice, bastano solo tre cose:

  • nessuna meta prefissata
  • nessun “periodo” prestabilito
  • voglia di partire

Inserisco il numero dei passeggeri e VIA! A questo punto si apre una cascata, non è una metafora è proprio una cascata, di opportunità classificate in base alla Nazione e disposte in ordine di prezzo crescente. Provare per credere! Generalmente, ma non è detto, si scartano le città già visitate e quelle che “non ispirano” per concentrare l’attenzione su mete che stuzzicano e intrigano! In ogni caso skyscanner.it è un ottima soluzione per cercare ispirazione, ti mette davanti così tante opzioni che difficilmente uno non trova ciò che cerca! E se questo non fosse sufficiente basta dare un occhio alla sezione “News & Idee viaggio” per trovare una serie di articoli interessanti,ottimi per schiarirsi le idee! Se dovessi dare un giudizio al motore di ricerca, soprattutto mettendolo a confronto con le “ricerche tradizionali” di voli , gli darei un bel 9/10. Il 10 glielo conferirò solo quando sarò certa che in giro non c’è niente di meglio!!

Ah…per la cronaca, skyscanner si trova comodamente anche su Twitter e Facebook, così da essere sempre informati sulle mete più esaltanti, più calde, più economiche, o sui periodi migliori per viaggiare, per prenotare il viaggio o per pensare a un viaggio. Insomma un modo veloce e facile per trovare tanti spunti!

Adesso arriva la mia scelta personale. Dopo qualche ora passata a valutare le mete proposte ho ristretto il campo a due capitali: Madrid e Londra. Per motivi del tutto personali ho scelto LONDRA e sarà proprio lei la protagonista di questo #Quasi-DiarioDiViaggio! Congratulazioni alla vincitrice!!

Provate a vedere se c’è anche la vostra occasione: http://www.skyscanner.it/

La curiosità come guida

il Gusto di Scoprire nasce da quello che muove praticamente ogni mia decisione…la CURIOSITÀ!

La voglia di cercare qualcosa di nuovo e diverso, che mi faccia uscire dalla mia zona familiare e mi faccia scoprire una nuova passione, mi accompagna sempre, anche nelle cose più semplici. Ciò che non appartiene alla mia cultura mi incuriosisce, è fonte di ispirazione e alla fine è diventata la mia droga personale…devo cercare, devo leggere, devo vedere, devo gustare! Non ne ho mai abbastanza!

È da tempo che mi gira in testa l’dea di creare un luogo in cui poter scrivere di tutto ciò che stimola la mia fantasia e curiosità, è proprio per questo che ho creato il blog. Scriverò delle mie passioni, prime fra tutte il cinema, la cucina e i viaggi, ma non ci sono regole…via libera a tutto quello che mi ispira e strada facendo mi immergerò nel gusto di scoprire!