Pesto al basilico e pinoli

Non è che adesso sono diventata una patita dei pesti, diciamo più che altro che vale la regola della menta: c’è una piantagione di basilico nell’orto e in qualche modo si dovrà pur usare, no? Avrei voluto usare come titolo “Pesto alla genovese”, purtroppo però sono circondata da persone che non amano il formaggio (povera me!) quindi, mancando un ingrediente fondamentale, non posso proprio chiamare questo pesto “genovese”. Speriamo sia ugualmente goloso e gustoso, magari il pecorino e il parmigiano ce li aggiungiamo in fase si cottura! 😉

Ingredienti:

  • foglie di basilico fresco (sarebbe l’ideale quello genovese, non il tipo che ha un retrogusto di menta), sui 50/60 gr
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale grosso q.b. (poco)
  • 40 gr pinoli
  • olio extravergine d’oliva q.b., ma diciamo sui 100 ml
  • pepe
  • ovviamente se potete (beati voi!) formaggio pecorino e parmigiano grattuggiati

Tempo di preparazione: 20 min

4 basilicoIniziamo subito ponendo un problema: il pesto va pestato, sin qua tutti d’accordo. Quindi se avete mortaio e pestello andate di gomito. Io non li ho, devo per forza ripiegare sul buon vecchio mixer e qua si pone un altro problema: le foglie di basilico tendono ad ossidarsi a contatto con l’aria e la velocità delle lame, che va a scaldare il composto, non rende le cose migliori. Ho letto un piccolo trucchetto che si accompagna al lavorare le foglie molto molto in fretta: mettete per una notte le lame del mixer in frezeer e poi dateci dentro!

3 basilicoLavate e asciugate bene le foglie di basilico, cercando di non spezzarle e accartocciarle. Mettetele nel mixer (o nel mortaio) insieme a una piccola manciata di sale grosso, l’aglio a pezzetti, il pepe e i pinoli. Azionate la macchina infernale a velocità minima e a scatti (accendi – fruuu – spegni. accendi – fruu – spegni). Quando avrete ottenuto un buon trito aggiungete l’olio (prima dell’olio mettete i formaggi se li usate). Azionate di nuovo il mixer, se il composto si spalma sulle pareti della ciotola, chiaramente usate un cucchiaio e rimescolate il tutto. Il pesto deve uscire cremoso e bello denso, l’olio monterà, stile maionese, rendendo il tutto una crema.

Il pesto si può conservare in frigo per un paio di giorni, stando attenti a coprire bene il tutto d’olio. Io ho creato delle monoporzioni da congelare (come per il pesto alla menta), perchè mi sembra più semplice così…

1 basilicoBUON (QUASI) PESTO ALLA GENOVESE A TUTTI!

Annunci

Pesto alla menta e pinoli

In giardino ho un vaso enorme straboccante tenere foglioline di menta. Qualche mese fa ho deciso di fare il liquore alla menta, così ne ho potata un bel po’. Ogni tanto mi bevo un mojito home made e qualcuno si associa. Ma quella continua a ricrescere senza sosta. Tu la tagli, la usi in mille modi, te li inventi addirittura perchè non vuoi vederla appassire, annerire, cadere. E lei continua a ricrescere. Dopo l’ennesima volta che ci passo davanti pensando “e adesso cosa ne faccio di te”, ho trovato una soluzione…PESTO ALLA MENTA! Ne faccio un po’, vediamo che esce e se ho fatto un buon lavoro l’anno prossimo ci riempio il freezer!

Ingredienti per una dose di circa 90 gr di pesto:

  • tenere foglioline verdi di menta, dipende dalla grandezza della foglia, diciamo che se riuscite a fare un mazzetto di almeno 50 gr è ottimo. Scegliete quelle nuove, piccole e molto più profumate, scartate quelle che sono già un po’ annerite o che sono troppo grandi per conservare ancora l’aroma
  • 40 gr di pinoli
  • 60 ml d’olio extravergine d’oliva, il più buono che avete
  • sale e pepe

Tempo di preparazione: non so…10 minuti? Anche meno.

1 Pesto alla mentaTagliate i vostri rametti di menta e selezionate accuratamente le foglioline migliori, dovrete lavarle bene e lasciarle scolare, poi dovrete asciugarle il più possibile su carta assorbente o su un panno.2 Pesto alla menta

In un mixer mettete le foglioline, i pinoli, il sale e il pepe a piacimento, e un filo d’olio d’oliva. Azionate a velocità bassa per tritare il tutto. Dopo pochi secondi versate altro olio e tritate piano. Continuate 3 Pesto alla mentacosì finchè non avrete finito l’olio e non avrete ottenuto un composto cremoso. A questo punto potete riporre il pesto in frigo e usarlo al massimo entro un paio di giorni, oppure fare delle miniporzioni da riporre in freezer e scongelare all’occorrenza. Io ho scelto questa seconda soluzione.4 Pesto alla mentaPotete usarlo come condimento per pesce o carne bianca, secondo me è ottimo anche con verdure grigliate…sbizzarritevi! 😉

BUON PESTO ALLA MENTA E PINOLI A TUTTI!