Il mago – di L. Grossman

Dopo aver letto questo romanzo ho capito una cosa che forse per molti è una ovvietà, ovvero che è molto più semplice scrivere la recensione di un libro che ci è piaciuto, piuttosto che di uno che non abbiamo apprezzato. Non senza difficoltà mi sono quindi ritrovata a parlarvi di questo romanzo di Lev Grossman, autore americano, di Brooklyn, nato nel 1969. Grossman è critico letterario del settimanale Time e autore del bestseller Codex (2005). Il mago è stato pubblicato negli Stati Uniti nel 2009 ed è stato per lungo tempo nella lista dei libri più venduti secondo il New York Times, ricevendo una straordinaria accoglienza della critica. Bene, forse io sono l’eccezione che conferma la regola.

Prima di tutto devo fare una piccola precisazione, l’edizione che ho acquistato, e su cui si basa questa recensione, è della Rizzoli (2010) nella traduzione di R. Valla. Ora, purtroppo devo dire di aver trovato moltissimi errori di stampa che hanno – in alcuni casi – spezzato il testo con evidenti conseguenze negative. Credo inoltre che la traduzione non sia delle migliori, mi sono persa più di qualche volta durante la lettura e sono duvuta tornare indietro per rileggere e cercare di interpretare. Questo, non penso sia stato l’intento dell’autore, perchè non si tratta di una cosa sistematica, quindi ho dedotto che si tratti di errori di traduzione, ma…potrei sbagliarmi.

Il mago descrive gli anni di vita di un teeneger, Quentin, annoiato e già stanco della sua vita da diciasettenne. Come capita spesso, percepisce la vita come una misera condanna, i genitori sembrano non accorgersi della sua esistenza e non si curano di lui, i suoi migliori amici, James e Julia, sono una coppia e ovviamente Quentin è innamorato di Julia, la quale, pur sapendo cosa prova il poveretto per lei, non lo caga di striscio. La vita del giovane Quentin viene stravolta dal ritrovamento del cadavere del professore presso cui doveva sostenere il colloquio per il college. Nella casa vittoriana di questo signore Quentin e James fanno un incontro particolare con un ragazza, un paramedico, un po’ sui generis. La ragazza porge a Quentin e James, due buste con su scritti i loro nomi. Quentin prende la sua, James no.

Da qui inizia una nuova vita per il nostro ragazzo annoiato, si scoprirà infatti che la sua abilità nei giochi di prestigio con carte o monete non è solo frutto di assiduo allenamento e una buona dose di fortuna, ma anche di una componente innata che alberga da sempre dentro di lui. Quentin è un mago e come tale frequenterà un college di maghi: Brakebills. Seguono pagine su pagine di descrizioni del college, delle lezioni, dei personaggi…Cinque anni condensati in una parte interminabile del libro, anche abbastanza noiosa. Ci sono solo un paio di momenti coinvolgenti, quello dell’attacco alla scuola, o meglio, alla classe di Quentin, della cd Bestia e quello in cui Quentin incontra di nuovo la sua amica Julia, per scoprire che non aveva passato il test preliminare per entrare nel college. Poi, solo descrizioni. Quentin che affronta le lezioni del primo anno e inizia a studiare incantesimi, Quentin che conosce nuove persone, come Alice, Quentin che fa a pungni con Penny, Quentin che entra a far parte del gruppo dei Fisici e stringe una forte amicizia con Eliot, Jenet e Josh, Quentin e alcuni compagni del quarto anno che vengono trasformati in oche e migrano fino all’Antartide…Troppo lungo, troppe descrizioni che si accavallano e sormontano, apparentemente prive di senso logico. Grossman ci riempie la testa di informazioni e di fatto non succede mai nulla.

Quentin e Alice si laureano. Vengono accolti dagli altri Fisici, laureati l’anno prima, Eliot, Jenet e Josh – cui si aggiunge anche un certo Richard, di cui non si sa niente – nel loro appartamento a Manhattan. Grossman dedica un’altra parte del romanzo a descrivere e descrivere cosa succede nella vita persa, e ancora una volta annoiata, di questi maghetti. Alcuni di loro sono alcolizzati, anche Quentin ci va vicino, non fanno niente di produttivo dalla mattina alla sera. Bevono, si drogano, fanno sesso. Un’altra parte del romanzo quasi inutile, anche qui non succede niente di rilevante per la trama della stroria.

Bisognerà aspettare la terza parte, a libro quasi concluso, per avere un po’ di azione e perchè succeda veramente qualcosa. Quentin, sin da quando era un bambino, è ossessionato da una serie di romanzi dedicati ad un mondo fantastico chiamato Fillory. Conosce molto bene le storie, i protagonisti, i personaggi che popolano questo mondo e le dinamiche del tutto particolari che lo animano. Scoprirà che quel mondo esiste davvero e non è solo il frutto della fantasia di un romanziere. Grazie alla scoperta di una delle persone che più detesta, Penny, Quentin riuscirà ad entrare a Fillory e forse qui otterà la rivincita della sua vita. Crede che sia questo il suo destino, solo a Fillory potrà ottenere quella felicità che per tutta la sua breve esistenza gli è stata negata o portata via, come lui stesso afferma più di una volta.

Vi ho già anticipato anche troppo del romanzo, ma dal mio punto di vista non c’è niente di più di questo. Nella copertina si cita il Washington Post: “Se sentite la mancanza di Harry Potter, questo è il libro che fa per voi”. Premesso che non ho mai letto Harry Potter e mai lo leggerò, credo che associare Il mago a una serie come quella di J.K. Rowling che in 10 anni (arco di tempo in cui sono stati pubblicati i 7 romanzi che costituiscono la serie) ha venduto circa 450 milioni di copie, è esagerato e decisamente fuori luogo. Per dirla terra terra, è una mera bugia!

Detto questo, non vorrei scoraggiarvi del tutto, qualcosa di buono c’è, ma bisogna appunto aspettare la fine per rendersene conto. Mi è venuto in mente il film The tourist, quello con Johnny Depp, un film noioso e scontato, se non fosse stato per il finale – e si può dire senza esagerare – a sopresa, dal mio punto di vista non varrebbe una pippa. Lo stesso ho pensato per Il mago, non che ci sia un finale a sopresa, attenzione, diciamo piuttosto che tutte le descrizioni delle centinaia di pagine precedenti trovano un senso. Insomma, Grossman alla fine non fa altro che unire i puntini numerati e portare alla luce l’immagine conclusiva.

Il Mago

Il mago di Lev Grossman, Rizzoli, 2010

Annunci

La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

Lo ammetto, ho comprato il libro perché per caso mi sono imbattuta in un post un po’ datato (del 16 novembre 2011) su comingsoon.it a detta del quale Tim Burton forse, probabilmente, quasi sicuramente avrebbe fatto un film basato su questo romanzo di Ransom Riggs → http://www.comingsoon.it/news/?source=cinema&key=10106

Questo forse è diventato una certezza e già trapelano le prime indiscrezioni sul cast voluto da Tim, tra cui Eva Green nei panni di Miss Peregrin e il giovane Asa Butterfield nei panni del sedicenne protagonista Jacob → http://www.comingsoon.it/news/?source=cinema&key=40866 L’uscita del film è prevista per il 4 marzo 2016 ma nel frattempo oltre a leggere questo stravagante romanzo si può dare un’occhiata anche al seguito: Hollow City. Il ritorno dei bambini speciali di Miss Peregrine.

Uno dei film che preferisco in assoluto è stato girato proprio da Tim Burton ed è anch’esso tratto da un libro che per me è e resterà incredibile, sto parlando di Big Fish di Daniel Wallace…straordinario! Ancora adesso, quando lo rileggo, mi fa sognare…

A furia di raccontare le sue storie, un uomo diventa quelle storie. Continuano a vivere dopo di lui, e così diventa immortale.

Credo sia stata l’aspettativa di leggere un libro fantastico, fuori dal comune, proprio come Big Fish il motivo che mi ha spinto ad ordinare La casa per bambini speciali di Miss Peregrine (edito in Italia da Rizzoli) e non è stata per nulla un’impresa da poco! Ho cercato per mesi di comprarlo su internet ma ci volevano anni luce per averlo così ho fissato degli allert in decine di siti e alla fine eccolo arrivare portato dal prode corriere! L’ho divorato in meno di una settimana…fortuna che stavo preparando un esame altrimenti l’avrei finito in mezza giornata credo!

Prima di tutto presentiamo questo sconosciuto Ramson Riggs…nato nella soleggiata Florida e diplomato al Kenyon College e alla Scuola di cinema e televisione della University of Southern California, attualmente vive a Los Angeles con la moglie e un gatto. Di professione non fa proprio lo scrittore, questo è il suo primo romanzo ed è uscito negli Stati Uniti nel 2011. Riggs è tante cose, è un autore di cortometraggi, un blogger, uno scrittore di viaggi e soprattutto è un collezionista di foto d’epoca…perché è importante che un tizio collezioni foto un po’ sbiadite e mangiucchiate? Perché è proprio da qui che inizia la storia del romanzo.

L’aspetto stravagante o quanto meno insolito è che la storia si racconta anche attraverso le fotografie inserite nella narrazione. Ma non si tratta di normali ritratti di famiglia o paesaggi di campagna o di città. No! Sono tra le foto più strane che si possano scovare in qualche mercatino delle pulci o in qualche polverosa soffitta di una vecchia casa. Basta guardare la copertina per capire…

WP_20150403_17_49_02_Pro 1

Vi presento “la bambina che levita“! Che si tratti di un qualche trucco di sovrapposizione o di ritocchi della pellicola questo non è dato sapere, ma si vede abbastanza bene che la ragazzina non tocca il suolo con i piccoli piedini…AdobePhotoshopExpress_89edc4bf94744f768a26226547779817

Oppure la mia preferita “lo stagno che riflette“… Una bambina e due riflessi! Carino!

Ce ne sono molte altre, quasi tutti ritratti di persone particolari o che fanno cose particolari! Ed è proprio questo il filo conduttore tra fotografie e narrazione… Jacob è un adolescente medio, timido e un po’ strano, praticamente senza amici e senza interessi particolari. Uno che definiremo un tizio qualunque. Suo nonno invece è tutt’altra cosa, un vecchietto alto e snello di nome Abraham affidato dai suoi genitori ebrei a degli sconosciuti quand’era piccolo per salvarlo dagli orrori e dalle persecuzioni della guerra. Abaham, Abe, però non si libererà da questi mostri nemmeno quando troverà rifugio in un posto letteralmente fuori dal mondo: a Cairnholm, un’isoletta nei pressi delle coste del Galles. Lì, separati dalla piccola comunità locale, dentro una grande casa vivono decine di bambini sotto la direzione di Miss Peregrine (affettuosamente chiamata l’Uccello dai ragazzi).

Abe racconta da sempre a Jacob le storie della sua vita straordinaria e gli fa vedere le fotografie dei suoi amici: la ragazzina che sa volare, il ragazzo con lo sciame d’api nella pancia, i due fratelli dotati di una forza straordinaria. Jacob era piccolo e credeva a tutte queste favole, le trovava entusiasmanti e avventurose, vedeva il nonno Abe come il suo eroe. Poi si sa…l’adolescenza! La perdita dell’immaginazione e della capacità di stupirsi davanti al mondo! Abe invecchia, Jacob cresce e i due si allontanano. Le storie raccontate dal nonno però non sono tutte gioiose e tranquille, ci sono anche cose che si nascondono nell’ombra, che spaventano i ragazzi e che minacciano Abe. Dopo un avvenimento terribile Jacob rimane sconvolto, cerca di affrontare il dolore ma nessuno gli crede, anzi…i suoi genitori lo credono addirittura pazzo! Ma Jacob non può rimanere passivo, deve scoprire qual’era il segreto di nonno Abe e per farlo deve trovare la casa dei bambini speciali di Miss Peregrine!

Non siamo ai livelli di Big Fish purtroppo, non mi resterà la voglia di leggerlo e rileggerlo altre decine di volte ma non è male! È avventuroso, scorrevole, ti viene voglia di finirlo tutto d’un fiato perché ti tiene lì sospeso. Vuoi sapere se Jacob ce la farà, chi incontrerà, chi sono i mostri… Sinceramente non vedo l’ora che arrivi marzo 2016, chissà se si vedrà il tocco di Tim nella trasposizione dei personaggi, chissà se Danny Elfam ne creerà la colonna sonora! Nel frattempo credo mi comprerò il seguito…