VIAGGIO a modo MIO – parte 3: un primo passo dentro Londra

Ricordo esattamente la prima impressione che ho avuto di LONDRA come fosse stampata nella memoria in modo indissolubile, anche se sono passati quasi dodici anni: una piccola piazzetta nei pressi di Camden Town; un uomo seduto su un muretto, con un impermeabile chiazzato di terra, polvere e chissà cos’altro, accoccolato ai suoi piedi un cane affamato e malandato, l’uomo si rigirava tra le mani una vecchia chitarra e la guardava come a chiedersi a cosa servisse; un ragazzo così magro che di profilo si poteva scambiare per un foglio di carta, i capelli dritti sulla testa a formare una cresta punk verde, giubbotto in pelle nera borchiato, anfibi neri consumati, jeans strappati, si avvicina con andatura molleggiante all’uomo e si inginocchia ad accarezzare il muso del cane; l’uomo e il cane gli sorridono. Nessuno nell’affollata piazzetta scossa dal via vai generale sembra fare caso al curioso terzetto. Io mi trovo lì di passaggio diretta non ricordo dove e li osservo. Ricordo di aver pensato che a casa mia una scena come quella non l’avrei mai vista.

LONDRA è la città più cosmopolita, variegata, eccessiva ed eccitante che abbia mai avuto il piacere di vedere. È incredibile come riesca a farti sentire esattamente a tuo agio in ogni angolo, forse dipenderà dal fatto che ormai ai sudditi della Regina si sono mescolate decine e decine di culture completamente diverse e ciò sicuramente a discapito dell’identità nazionale, ma volete mettere con l’atmosfera che si assapora adesso?! Devo dire che tra i miei posti preferiti c’è proprio uno di questi angoli colmi di diversità, Camden town e non vedo l’ora di ritornarci!

Il primo passo dentro LONDRA di solito si fa a scuola. Qualunque sia l’indirizzo scelto non è possibile prescindere dalla storia inglese che ci guida attraverso le successioni della Corona. Dalla conquista dei Romani della bella e accattivante terra inglese, con il buon vecchio Cesare che si era invaghito di Londinium (anche se in realtà fu qualche tempo dopo, sotto l’imperatore Claudio nel 43 d.c., che i Romani vi fecero ritorno per fondare quello che diventerà uno dei più prosperi porti della storia), ai problemini che sovrani capricciosi e megalomani hanno creato con la Chiesa di Roma, fino alle intricate e stravaganti vicende delle dinastie regali che per decenni si sono susseguite al vertice del potere. Molto più simili a soap opere che a veri e propri insegnamenti storici (non per niente la serie I Tudors – scandali a corte ha avuto molto successo), questi intricati avvicendamenti si sono -regina-Elisabettaprotratti sino ad oggi. L’attuale dinastia al potere, i Windsor (nome cambiato da re Giorgio V nel pieno Prima Guerra Mondiale) ha avuto origine nel 1917 e prospera tutt’oggi tra alti e bassi, con problemi da affrontare non così diversi rispetto a quelli che hanno sempre coinvolti i regnanti inglesi.

A parer mio però non è dai libri di storia che si comprende un’epoca, una generazione o una società, bensì dalla letteratura che ha coinvolto, impressionato e stravolto quell’epoca, generazione o società. L’Inghilterra, e LONDRA in particolare, ci offrono il fior fiore delle menti illuminate e geniali con cui confrontarsi. Secondo alcuni la più antica descrizione di LONDRA va ricondotta allo storico romano Tacito che nei suoi scritti narra della rivolta di Boadicea. LONDRA però è la premurosa madre di alcuni tra i letterati e i poeti più apprezzati, studiati e amati del mondo, vogliamo citarne alcuni tanto per dare un’idea? William Shakespeare, Daniel Defoe, Charles Dickens, George Orwell, Virginia Woolf e il Bloomsbury group, Mary Shelley e potremmo continuare ancora.

Ognuno di loro ha vissuto e disegnato una LONDRA diversa per ideologie e sentimentalismi, ma in un cecrusoe-cpg-t1rto senso sempre fedele a se stessa. Così se si vuole avere una fugace fotografia della classe media londinese dei primi decenni del 1700 si può leggere The life and strange surprising adventures of Robinson Crusoe, o più semplicemente Le avventure di Robison Crusoe scritto tra il 1720 e il 1724 da un Defoe ormai sessantenne.

Un decennio più tardi Charles Dickens, 1004208-Charles_Dickens_Oliver_Twisttraendo notevoli insegnamenti dai quei pochi mesi in cui, appena dodicenne, fu costretto a sopravvivere da solo per le strade di Londra (dato che i suoi genitori erano stati incarcerati per debiti), scrisse quello che diventerà uno dei romanzi più apprezzati di sempre: Oliver Twist.

Sir Arthur Conan Doyle invece, tra  il 1881 e il 1904, descriveva una LONDRA ben diversa nei su221B_Baker_Street,_London_-_Sherlock_Holmes_Museumoi popolari racconti su Sherlock Holmes, il problematico e stravagante investigatore privato è poi diventato l’immagine della imperturbabilità e freddezza del tipico londinese. La sua casa esiste ancora e si trova ovviamente al numero 221b di Baker Street seppur l’investigatore sia un personaggio di pura invenzione e ciò rende la cosa ancora più surreale! Questa casa-museo è stata aperta nel 1990 e ogni giorno accoglie svariate decine di visitatori.

Tra i romanzi più recenti per apprezzare la LONDRA del XX secolo si possono citare Il Budda delle periferie di Hanif Kureishi, scritto nel 1990, una interessante visione della capitale dal punto di vista delle minoranze etniche. Una lettura decisamente più soft ce la fornisce Helen Fielding con l’incredibile successo Il diario di Bridget Jones del 1996.

Per mio gusto personale preferisco romanzi di tutt’altro genere e devo dire che è proprio tra i grandi classici inglesi che è maturato. Al liceo la professoressa thumb_book-frankenstein_2.330x330_q95d’inglese ci consegnò la fotocopia di un passo tratto dal romanzo di Mary Shelley: Frankenstein o il Prometeo moderno. Mi piacque così tanto che comprai il libro – in italiano perché mi sentivo più a mio agio – e negli anni guardai tutti i film che ne vennero tratti, soprattutto Frankenstein Junior visto e rivisto non so più quante volte…una parola sola: eccezionale! La storia di come nacque questo capolavoro è molto insolita. Siamo a Ginevra nei primi anni del 1800, un uomo, o meglio, un poeta conosciuto come Lord Byron lancia una sfida a tre brillanti giovani: i coniugi Shelley, Percy e Mery, e il dottor John William Polidori. Ognuno di loro doveva scrivere un racconto dell’orrore. Mery fu la sola, e la più veloce, a portare a termine la sfida creando la macabra storia di Victor Frankenstein.

A questa incredibile opera ne aggiungo altre due perché è proprio grazie a romanzi come questi che nasce il filone letterario ad oggi tra i più apprezzati, ovvero il gotico. Nel 1886 lo scrittore scozzese Robert Louis Stevenson crea il celebre Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde e nel 1897 l’irlandese Bram Stoker scrive il mio romanzo preferito: Dracula.

Ci sono molti modi per avere il primo contatto con una città, come credo si sia capito, il mio è la letteratura, non c’è modo migliore per scendere tra le sue strade, assaporare l’umore di un epoca, mescolarsi al popolo, a parte farlo fisicamente ovvio…ma facciamo un passo alla volta!

Annunci